Qual è il miglior browser del 2017?

Come di consueto torna la classifica dei migliori browser, stavolta aggiornata al 2017.

Ho deciso di dare meno importanza ai dati tecnici, dato che non sono due o tre millisecondi all’avvio che fanno la differenza, e di stilare le classifiche, oltre che in base alla piattaforma, in base al contesto.

Dato che i principali browser sono molto vicini in termini di sicurezza e prestazioni, per la prima troveremo la classifica dei migliori browser del 2017 per chi è utente standard e per chi è utente esperto (o sviluppatore).

Nel primo caso si tiene conto unicamente della velocità di caricamento delle pagine e delle funzionalità per la navigazione, mentre nel secondo caso la classifica è condizionata da fattori come la flessibilità e potenza degli strumenti di sviluppo che il software mette a disposizione. Inoltre quest’anno entra in classifica Microsoft Edge, che sta via via affermandosi sul mercato con una quota di share, anche se di poco, sempre crescente.

Vediamo ora la situazione nel dettaglio su ogni sistema operativo, per le due tipologie di utenti.

 

Classifica per utenti standard

 

Il miglior browser del 2017 per Windows è Mozilla Firefox.

FirefoxLogo

Perché?

Essendo di poco il più veloce di tutti nel caricamento delle pagine, sia a freddo (cioè alla prima apertura) sia a caldo (caricamenti successivi al primo), Firefox ha la meglio sui concorrenti. A differenza del più pesante Google Chrome, ha un basso consumo di risorse RAM e CPU influendo in minima parte sulla durata della batteria nel caso di notebook o ultrabook. Proprio riguardo a questo punto, Opera ha da poco introdotto una funzionalità di risparmio energetico che diminuisce il carico sul dispositivo fino al 50%, prolungando così ulteriormente la durata della carica. Tuttavia si è dimostrato complessivamente il più lento su Windows, per questo passa all’ultimo posto. Microsoft Edge, più leggero rispetto agli avversari e decisamente veloce in fase di avvio e di navigazione, invece non può contare sulla vasta gamma di componenti aggiuntivi che Chrome e Firefox mettono a disposizione degli utenti. Va comunque detto che Google Chrome, a partire dalla versione 55, si sta dimostrando molto meno affamato di risorse rispetto al passato.


Il miglior browser del 2017 per macOS è Safari.

Perché?

Safari per macOS è fluido, veloce ed offre un’esperienza di navigazione senza eguali integrandosi perfettamente con il sistema operativo Apple. Si interfaccia inoltre in modo eccellente con il centro notifiche di macOS. Firefox e Chrome si equivalgono come velocità di caricamento e funzionalità, ma il secondo è meno ottimizzato per il consumo di risorse e potrebbe influire negativamente sulla durata della batteria del MacBook. Opera rimane il fanalino di coda, leggero e meno affamato di RAM e CPU ma più lento, con un’esperienza complessiva meno soddisfacente su macOS rispetto agli avversari.


Il miglior browser del 2017 per Linux è Google Chrome.

Perché?

Sembrerà strano, ma Chrome su Linux è più performante rispetto a tutti gli altri. Molto lavoro è stato svolto da Google per portare il suo prodotto in linea con la versione Windows e macOS anche su Ubuntu, e ad oggi diventa la scelta più valida per chi vuole navigare a tutta velocità. Firefox su Linux Ubuntu ha invece perso un po’ del suo vantaggio, con performance meno esaltanti di un tempo, ma — essendo di fatto il browser di default in Ubuntu e molte altre distribuzioni Linux — rimane comunque un’ottima alternativa con una solida community alle spalle. Bene Opera, leggero e attento alle prestazioni come negli altri casi, e l’ultimo arrivato, il nenoato Slimjet, si dimostra fin da subito una valida alternativa con un consumo molto ridotto di RAM e CPU e con una particolare attenzione all’aspetto privacy. Se non lo conoscete, provatelo; è anche compatibile con la maggior parte dei componenti aggiuntivi di Chrome.


Classifica per utenti esperti

 

Il miglior browser del 2017 per Windows è Google Chrome.

Perché?

Non c’è niente da fare, Chrome è dotato dei migliori strumenti per sviluppatori in circolazione. Ha una web console avanzata e una serie di ottimizzazioni e tool appositamente pensati per chi è web developer. Ne è un esempio la modalità responsive, in cui si può simulare il dispositivo mobile con cui si sta visitando il sito in modo da vedere in tempo reale come si presenta la pagina web che stiamo realizzando, con tanto di touch screen simulato. Anche Firefox ha funzionalità simili e comunque molto comode, ma non ai livelli di Chrome. Essendo Firefox più leggero e di poco più veloce rispetto a Chrome, quest’ultimo rimane comunque la scelta vincente per gli sviluppatori. Opera risulta più povero come funzionalità di sviluppo, ma per gli utenti esperti può far gola la funzionalità di VPN gratuita e illimitata che il browser prevede, al fine di ottenere una migliore privacy durante la nagivazione. Edge, che su Windows è molto veloce, non si presenta per niente valido nei confronti di chi ha bisogno di qualcosa in più.


Il miglior browser del 2017 per macOS è Google Chrome.

Perché?

Anche su macOS valgono le motivazioni spiegate poche righe sopra: Google Chrome mette a disposizione degli sviluppatori molti strumenti avanzati, potenti e realizzati su misura per chi è web developer. Poco interessa se è di pochi millisecondi più lento di Firefox all’avvio o se consuma più batteria, entrambi sono compromessi accettabili quando si cercano dei tool avanzati. Opera continua a rimanere interessante per gli utenti esperti per la VPN gratuita di cui è dotato, mentre Safari — per chi è utente esperto — è il classico esempio del tutto fumo e niente arrosto.


Il miglior browser del 2017 per Linux è Mozilla Firefox.

Perché?

Solitamente chi usa Linux Ubuntu ed è un utente esperto ha un’indole open-source e presta particolare attenzione alla privacy. Ecco perché Firefox è probabilmente la scelta migliore. Molto performante, anche se di poco più lento di Google Chrome, è molto discreto e si prende cura dei nostri dati. Chrome, invece, si diverte ad inviare a Google tutto ciò che passa per la barra degli indirizzi, e quindi le ricerche che vengono effettuate da lì. Eccellente Slimjet, oltre ad essere molto leggero è anche discreto e Opera offre la sua solita VPN gratis e illimitata.


Quindi, secondo la mia analisi in base al contesto e al sistema operativo in uso, ecco un riepilogo dei migliori browser 2017:

Utente standard

Utente Esperto

Windows

Mozilla Firefox Google Chrome

macOS

Safari Google Chrome

Linux

Google Chrome Mozilla Firefox

Chrome vince su Firefox 3 a 2.

 

Arrivederci alla prossima classifica dei browser!

 

Scarica Firefox | Scarica Chrome | Scarica Opera | Scarica Slimjet

Fonti: Windows, Mac, Linux
Articoli Consigliati
Ci sono 3 commenti
  • Rinaldo Buffon
    Rispondi

    Io mi trovo bene con la versione open source di chrome, chromium ed è per quello che ero alla ricerca di una istro che lo usasse… Ho trovato e sto usando Cub Linux… Molto carina!!! 🙂

  • antonpaco
    Rispondi

    Mah, io non so in base a cosa dici che Mozilla e’ il piu’ veloce, ti posso dire che lo uso da almeno 6-7 anni, fino a qualche mese fa era davvero una scheggia, poi e’ successo qualcosa, hanno fatto delle modifiche, si sono intestarditi nel volerlo cambiare, il risultato e’ un rallentamento che definire estenuante e’ il minimo. Oggi se si fa un sondaggio, Mozilla ha perso almeno il 30% di users passati ad altri lidi. Si puo’ anche sbagliare, ma ritornare sui propri passi e’ indice di intelligenza, come fanno gli sviluppatori a non accorgersi che il browser e’ peggiorato?

  • Pietro
    Rispondi

    se chrome con tutto ciò che google si porta appresso è il più performante (ed è vero) una ragione deve esserci. Con tutto il denaro che investono è chiaro che ci sia da pensare. e quindi? meditate gente meditate!!!! attenti ai fatti vostri!!!! altro che velocità!!! qunto rende spiare i vostri messaggi a google?

Lascia un Commento